Progetto PiCo

Gelato al caffè senza gelatiera

Gelato al caffè senza gelatiera, di PiCo Ricette by Luca Rampati pinit

Il gelato al caffè è una delizia estiva che rinfresca il palato e soddisfa i desideri degli amanti del caffè e dei dolci. Questa prelibatezza cremosa e vellutata, arricchita dall’intenso aroma del caffè, è un’autentica delizia che si scioglie in bocca regalando un piacere irresistibile. La sua semplicità e versatilità lo rendono un dessert amatissimo, perfetto da gustare da solo o accompagnato da biscotti, cioccolato o frutta. La preparazione senza l’uso di una gelatiera rende questo gelato ancora più accessibile a chiunque voglia deliziarsi con un dolce fatto in casa, portando il fresco sapore dell’estate direttamente nella propria cucina.

Ricette correlate al gelato al caffè senza gelatiera

E, a proposito di gelato al caffè senza gelatiera… ecco due link per saperne di più sulla storia del gelato e sul caffè:

Gelato al caffè senza gelatiera

In cono, in coppetta, al cucchiaio… adatto per un dessert veloce o come sfizio a passeggio, il gelato è una golosità tutta da assaporare! Ma quante volte la voglia di gelato si presenta improvvisa anche a casa, magari fuori stagione? La ricetta del gelato al caffè che proponiamo oggi è semplice e gustosa e, soprattutto, non richiede l’utilizzo della gelatiera.

Il gusto e l’odore decisi ed intensi del caffè vengono avvolti dalla massima morbidezza della panna e dalla fresca sensazione che solo il gelato sa dare al palato.

Tempo di preparazione 15 mins Tempo di cottura 2 mins Tempo di riposo 3 hrs Tempo totale 3 ore 17 min Difficoltà: Principiante Porzioni: 6 Stagione migliore: Estate

Ingredienti

Preparazione

  1. In un pentolino scaldiamo il latte condensato assieme ad un cucchiaio di panna ancora liquida e vi facciamo sciogliere il caffè solubile.

    1. In un pentolino scaldiamo il latte condensato assieme ad un cucchiaio di panna ancora liquida e vi facciamo sciogliere il caffè solubile.
  2. Versiamo nella ciotola il resto della panna e la montiamo con la frusta elettrica.

    2. Versiamo nella ciotola il resto della panna e la montiamo con la frusta elettrica.
  3. Uniamo il contenuto del pentolino alla panna già montata e diamo un ultimo giro di frusta.

    3. Uniamo il contenuto del pentolino alla panna già montata e diamo un ultimo giro di frusta.
  4. Trasferiamo il composto in un contenitore adatto e lo mettiamo a raffreddare in congelatore per almeno tre ore.

    4. Trasferiamo il composto in un contenitore adatto e lo mettiamo a raffreddare in congelatore per almeno tre ore.
  5. Togliamo il gelato dal congelatore e lo lasciamo ammorbidire per qualche minuto prima di servire.

    5. Togliamo il gelato dal congelatore e lo lasciamo ammorbidire per qualche minuto prima di servire.
  6. Ora possiamo gustare il nostro buonissimo gelato al caffè, eventualmente guarnendolo a piacere!

    6. Ora possiamo gustare il nostro buonissimo gelato al caffè, eventualmente guarnendolo a piacere!

Nota

Conservazione

Il gelato al caffè può essere conservato in congelatore per 1-2 settimane.

Parole chiave: bambini, latticini, freddo, piatti congelati, senza mais, senza soia, senza uova

FAQ - Domande e Risposte

Expand All:
Con questo metodo è possibile fare soltanto il gelato al caffè?

Certamente no. Al posto del caffè è possibile aggiungere qualsiasi aroma o gusto a piacere.

Per il gelato al caffè quale panna è meglio usare?

Noi abbiamo usato una panna da montare già zuccherata. Ma, se si vuole porre ancora più l’accento sulla fragranza del caffè, è possibile utilizzare della panna da montare non zuccherata.

Immagine profilo in primo piano di Luca Rampati

Luca Rampati

Vengo al mondo nel 1992, e con me nasce anche la mia sfrenata predilezione per le uova strapazzate. Le mie prime curiose ricerche alla scoperta del mondo mi portano all’interno dei mobili della cucina, per trovare delle pentole con cui girovagare sorridente. Con il senno di poi sono queste le scintille che danno inizio al mio interesse per il variopinto mondo della ristorazione. Il cibo è sempre un ottimo punto di partenza!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »