Progetto PiCo

Gnocchi di patate fatti in casa

Gnocchi di patate fatti in casa di PiCo Ricette by Luca Rampati pinit

Gli gnocchi di patate fatti in casa sono un piatto iconico della cucina italiana, amato per la sua consistenza morbida e delicata. Questi deliziosi bocconcini di pasta, preparati con pochi ingredienti semplici ma genuini, rappresentano una tradizione culinaria tramandata di generazione in generazione. Serviti con una salsa di pomodoro fresco, burro e salvia o condimenti più elaborati, gli gnocchi di patate fatti in casa sono un piacere gastronomico che incanta i palati di grandi e piccini.

Ricette correlate agli gnocchi di patate fatti in casa

E, a proposito di gnocchi di patate fatti in casa… ecco un link per saperne di più sulla loro origine:

Gnocchi di patate fatti in casa

La preparazione degli gnocchi di patate fatti in casa è un rituale che richiede pazienza e dedizione, ma il risultato è una vera delizia per il palato e per l’anima. In un mondo dove il cibo spesso diventa solo carburante per il corpo, gli gnocchi fatti in casa rappresentano un ritorno alla genuinità, un’opportunità di rallentare e di godere appieno dei piaceri semplici della vita.

Ma ciò che rende gli gnocchi così straordinari non è solo il processo di preparazione, bensì il gusto sublime della patata che, una volta trasformata in morbidi bocconcini, si sposa magnificamente con una vasta gamma di condimenti. La patata, con la sua delicatezza e versatilità, si presta a essere abbracciata da salse cremose, ricche di formaggio, oppure a essere accarezzata da sughi leggeri e profumati di erbe aromatiche. L’unico limite è la fantasia e si sa… è proprio la fantasia a non avere freni!

Il segreto per ottenere gnocchi perfetti risiede nella scelta delle patate giuste, a pasta farinosa, nella lavorazione attenta dell’impasto e nell’abilità nel formare i piccoli gnocchi, ognuno dei quali porta con sé una storia di cura e dedizione.

Tempo di preparazione 25 mins Tempo di cottura 30 mins Tempo di riposo 15 mins Tempo totale 1 ora 10 min Difficoltà: Intermedio Porzioni: 4 Stagione migliore: Adatto tutto l'anno

Ingredienti

Preparazione

  1. Laviamo le patate eliminando la terra in eccesso per poi metterle in una pentola, andando a coprirle d’abbondante acqua non salata.

    1. Laviamo le patate eliminando la terra in eccesso per poi metterle in una pentola, andando a coprirle d’abbondante acqua non salata.
  2. Cuociamo le patate per 40-45 minuti, controllando di tanto in tanto con i rebbi di una forchetta se sono tenere.

    2. Cuociamo le patate per 40-45 minuti, controllando di tanto in tanto con i rebbi di una forchetta se sono tenere.
  3. Una volta cotte e ancora calde le peliamo avendo cura di eliminare eventuali butti interni.

    3. Una volta cotte e ancora calde le peliamo avendo cura di eliminare eventuali butti interni.
  4. Schiacciamo le patate con uno schiacciapatate, adagiando la polpa ottenuta in una bacinella.

    4. Schiacciamo le patate con uno schiacciapatate, adagiando la polpa ottenuta in una bacinella.
  5. Lasciamo raffreddare per una decina di minuti, la polpa tiepida assorbe meglio la farina.

    5. Lasciamo raffreddare per una decina di minuti, la polpa tiepida assorbe meglio la farina.
  6. Disponiamo le patate schiacciate a vulcano, spolveriamo sui bordi e al centro la farina, e vi versiamo l’uovo sbattuto.

     

    6. Disponiamo le patate schiacciate a vulcano, spolveriamo sui bordi e al centro la farina e l’uovo sbattuto.
  7. Impastiamo velocemente gli ingredienti, facendo assorbire completamente la farina che, se necessario, può essere ulteriormente aggiunta qualora l’impasto degli gnocchi dovesse risultare ancora umido.

    7. Impastiamo velocemente gli ingredienti, facendo assorbire completamente la farina che, se necessario, può essere ulteriormente aggiunta qualora l’impasto degli gnocchi dovesse risultare ancora umido.
  8. Formiamo un bel panetto spolverandoci sopra un altro po’ di farina.

    8. Formiamo un bel panetto spolverandoci sopra un altro po’ di farina.
  9. Lo lavoriamo ancora un po' dandogli la forma di lingotto.

    9. Lo lavoriamo ancora un po' dandogli la forma di lingotto.
  10. Da questo lingotto porzioniamo con la spatola, uno per volta, dei panetti più piccoli. Modellandolo con le mani, ad ogni panetto diamo una forma cilindrica della grandezza desiderata.

    10. Da questo lingotto porzioniamo con la spatola, uno per volta, dei panetti più piccoli. Modellandolo con le mani, ad ogni panetto diamo una forma cilindrica della grandezza desiderata.
  11. Con la spatola affettiamo il cilindro creando così gli gnocchi.

    Impasto degli gnocchi in lavorazione. di PiCo Ricette by Luca Rampati
  12. Con un’ultima spolverata di rimacinata di semola i nostri gnocchi di patate fatti in casa sono pronti per esser cotti ed abbinati a qualsiasi sugo vogliamo!

    12. Con un’ultima spolverata di rimacinata di semola i nostri gnocchi di patate fatti in casa sono pronti per esser cotti ed abbinati a qualsiasi sugo vogliamo!

Nota

Conservazione

Gli gnocchi di patate fatti in casa possono essere conservati per massimo 1 giorno da crudi e per 3 giorni da cotti. Eventualmente è possibile congelarli, sempre da crudi e mai cotti, per 1 mese.

Parole chiave: Gnocchi di patate fatti in casa. alto contenuto proteico, bambini, mescolare, piatti vegetariani, senza frutta a guscio, senza lattosio, senza mais, senza soia, senza zucchero

FAQ - Domande e Risposte

Expand All:
È possibile dare anche un’altra forma agli gnocchi rispetto a quella proposta in questa ricetta?

Naturalmente sì. Gli gnocchi preparati in questa ricetta sono lisci perchè più adatti al sugo da noi selto. Se invece si vogliono gnocchi dalla classica forma rigata, una volta porzionati basta passarli sui rebbi di una forchetta schiacciandoli leggermente. È anche possibile modellare gli gnocchi in forme più piccole, trasformandoli in deliziose chicche di patate.

Immagine profilo in primo piano di Luca Rampati

Luca Rampati

Vengo al mondo nel 1992, e con me nasce anche la mia sfrenata predilezione per le uova strapazzate. Le mie prime curiose ricerche alla scoperta del mondo mi portano all’interno dei mobili della cucina, per trovare delle pentole con cui girovagare sorridente. Con il senno di poi sono queste le scintille che danno inizio al mio interesse per il variopinto mondo della ristorazione. Il cibo è sempre un ottimo punto di partenza!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »